InOnda Novità


Come migrare Revive AdServer senza perdere alcun dato?

da 19 Maggio 2021Tips&Tricks0 commenti

In questo post andremo a vedere come poter migrare Revive AdServer su un nuovo dominio senza perdere alcun dato.

Per chi non lo sapesse, Revive AdServer è un potentissimo software web open source che permette di gestire le campagne pubblicitarie. Per saperne di più sto confezionando un articolo ad hok in cui andrò a descrivere le sue utili funzionalità.

Ma passiamo subito al dunque.

Prendiamo come esempio i seguenti due domini: adv.origine.it e adv.destinazione.it, dove avremo che adv.origine.it verrà migrato su adv.destinazione.it.

Assicuriamoci che sul sito di origine ci sia installata l’ultima versione di Revive AdServer che deve combaciare con quella che andremo ad usare nel sito di desitinazione.

Quindi bisogna procedere con i seguenti step:

  1. Fare un backup del database dell’installazione di origine adv.origine.it, io l’ho fatto direttamente da phpmyadmin
  2. Creare un nuovo database in adv.destinazione.it
  3. Nel database adv.destinazione.it importare il database di backup fatto in precedenza di adv.origine.it
  4. Scaricare Revive AdServer da qui
  5. Entrare in cPanel e aprire Gestione File, andare nella cartella in cui si vuole installare Revive AdServer e uploadare il file zip di Revive che hai precedentemente scaricato.
  6. Finito l’upload, decomprimere il file zip. Per evitare problemi, al termine dell’upload eliminare il file zip.
  7. Entrare in Gestione File del sito di origine e scaricare la cartella www/images.
  8. Entrare in Gestione File del sito di destinazione e uploadare la cartella www/images.
  9. Le seguenti cartelle, le sottocartelle e tutti i file in esse, dovranno essere impostate come scrivibili (se il tuo server è su Linux o Unix, i permessi dovranno essere impostati su ‘777’):
    • ‘/plugins’
    • ‘/var’
    • ‘/www/admin/plugins’
    • ‘/www/images’
  10. Dall’installazione su adv.origine.it salvare sul computer il file “adv.origine.it.conf.php”, cambiare il nome del file in “adv.destinazione.it.conf.php”, aprirlo con un editor di testo e sostiruire i dati del database di origine con quelli del database di destinazione, così come i valori delle cartelle e del dominio.
  11. Uploadare il file “adv.destinazione.it.conf.php” nella cartella /var dell’installazione di destinazione.
  12. Aprire una nuova finestra del browser e nella barra degli indirizzi digitare “adv.destinazione.it” per procedere con la fase di installazione/aggiornamento.
  13. Qui Revive dovrebbe rilevare che è già installata l’ultima versione e che il database è correttamente installato. Il sistema ridigerà nella pagina per effettuare il login.
  14. Effettuare il login con gli stessi dati di accesso del sito di origine e dovresti entrare nella dashboard senza problemi. Almeno, io non ho avuto problemi in tal senso, se dovessi avere problemi, scrivimi nei commenti.
  15. Entrare nella dashboard di amministrazione e procedere con l’installazione di tutti i plugin. (faccio presente che dalla versione 5.2.0 Revive AdServer non implementa più il plugin openX3rdPartyServers.zip)…
  16. Ritornare nella dashboard utente/publisher.
  17. Se tutto è andato correttamente si dovrebbero vedre la lista di tutti gli utenti, le statistiche, le zone, le campagne e gli editori. Personalmente ho riscontrato un problema entrando nella sezione banner. Qui riuscivo solo a vedere i banner della Campagna di Amazon, mentre provando ad aprire le altre campagne, lo spazio con la lista dei banner e il tasto per la creazione di nuovi banner appariva completamente bianco. Se riscontri anche tu lo stesso problema, procedere con il punto seguente.
  18. Quindi, tornando sul desktop del computer, riaprire i file “adv.origine.it.conf.php” e “adv.destinazione.it.conf.php” con un editor di testo (personalmente uso Adobe DreamWeaver o Atom) e controllare il numero delle stringhe. Se risulta maggiore il numero delle stringhe in “adv.origine.it.conf.php” rispetto a “adv.destinazione.it.conf.php”, cercare qual è o quali sono le stringhe mancanti dal file di origine rispetto a quello di destinazione e aggiungerle nella stessa posizione del file di origine. Salvare il file “adv.destinazione.it.conf.php” e uploadarlo nella cartella /var dell’installazione di destinazione.

Se tutto è andato come si deve non dovresti più avere alcun problema e l’installazione sul nuovo dominio dovrebbe funzionare correttamente e senza problemi. Almeno, io non ho riscontrato più alcun problema.

Fammi sapere nei commenti se questa guida ti è stata utile o hai avuto ulteriori problemi.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest