InOnda Novità


#ILNOSTROMAREILNOSTROFUTURO UN’ESTATE DI SENSIBILIZZAZIONE AL RISPETTO DELL’AMBIENTE SULLE COSTE DEL SALENTO

da 31 Agosto 2022Ambiente0 commenti

La campagna ARO7/Le per il rispetto e la cura del territorio

Una stagione di successo e ora pronti con la società in house

Silvano Macculi

Dall’entroterra al mare, tra bagnanti e turisti, a portare col sorriso lo spirito e il lavoro di chi l’ambiente lo osserva, lo rispetta, lo preserva.

Un’estate all’insegna della cultura green e blu e dell’amore per il Salento quella dei 21 comuni di Aro7/Le, che portano avanti senza sosta con Ercav la campagna di sensibilizzazione volta alla cura dell’ambiente che ci circonda. Una formula di successo che durante le vacanze si è spostata sulle coste, da Castro a Marittima di Diso, passando per Andrano, Santa Cesarea Terme, Otranto.

L’ape car e il suo carico di volantini, slogan, posacenere da passeggio, sorrisi e informazioni, ha fatto tappa nelle diverse località costiere dell’Aro7/Le dopo l’attività di sensibilizzazione svolta nei centri storici.

“Il bacino dell’Aro7/Le ha ormai consolidato la sua attività sia in termini di servizi sia in termini di comunicazione – spiega il presidente, Silvano Macculi -. È una stagione di successo perché confrontandoci con altri territori, riscontro che nelle nostre marine l’attività di raccolta si è svolta bene nonostante criticità sugli impianti che abbiamo gestito senza intoppi. Anche in turisti, oltre agli abitanti della zona, hanno imparato a differenziare in maniera corretta consentendoci numeri di tutto rispetto in termini di raccolta”.

Avere un mare pulito si può dunque, sensibilizzando la popolazione locale e i turisti affinché l’amore per il territorio sia battaglia condivisa trasversale.

E mentre l’estate volge al termine, la macchina green di Aro7/Le non si ferma e guarda al prossimo obiettivo: “Ormai siamo alla fase conclusiva di un percorso lungo che ha visto tutte le amministrazioni comunali coese nella creazione di una società in house per la gestione del servizio di raccolta. La società vede i comuni stessi soci e titolari diretti del servizio, data l’esperienza già acquisita. Questo comporterà l’avvio anche della raccolta della frazione umida, portando così la differenziata almeno al 70%”, conclude Macculi.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest